Twelfth European Symposium
EMUC17
Xagena Mappa
Medical Meeting

ACE inibitori e antagonisti del recettore della angiotensina-II e danno renale acuto


Gli ACE inibitori ( ACE-I ) e gli antagonisti del recettore dell’angiotensina ( sartani; ARA ) sono comunemente prescritti, ma possono causare danno renale acuto durante malattie intercorrenti.
I tassi di ospedalizzazione con danno renale acuto sono in aumento. Si è cercato di stabilire se i tassi di ricovero in ospedale con danno renale acuto siano associati a un aumento della prescrizione di ACE inibitori e antagonisti del recettore dell’angiotensina ( ACE-I/ARA ).

I dati del sistema sanitario nazionale inglese per le prescrizioni di ACE-I/ARA sono stati abbinati al numero di ricoveri ospedalieri con una diagnosi primaria di danno renale acuto.

Nel periodo 2007/8-2010/11, i tassi di ricovero per danno renale acuto sono aumentati da 0.38 a 0.57 per 1000 pazienti ( aumento del 51.6% ) e i tassi di prescrizione nazionali annuali di ACE-I/ARA sono aumentati dello 0.032 da 0.202 a 0.234 ( aumento del 15.8% ).

È stato evidente ( P minore di 0.001 ) che l’aumento di prescrizioni di ACE-I/ARA durante il periodo di studio è stato associato a un aumento dei tassi di ricovero per danno renale acuto.
L'aumento nella prescrizione corrispondeva a un aumento nei ricoveri circa del 5.1% ( rate ratio, RR=1.051 ).

Si è calcolato che 1.636 ricoveri per danno renale acuto sarebbero stati evitati se i tassi di prescrizione fossero stati al livello del 2007/8, pari al 14.8% dell’aumento totale dei ricoveri per danno renale acuto.

In conclusione, in questa analisi, fino al 15% dell'aumento dei ricoveri per danno renale acuto in Inghilterra per un periodo di tempo di 4 anni è risultato potenzialmente attribuibile alla maggiore prescrizione di ACE inibitori e antagonisti del recettore dell’angiotensina.
Tuttavia, questi risultati sono limitati dalla mancanza di dati individuali del paziente come indicazione per la prescrizione e le caratteristiche del paziente. ( Xagena2013 )

Tomlinson LA et al, PLoS ONE 2013; 8: 11: e78465

Cardio2013 Nefro2013 Farma2013


Indietro