EMUC17
Twelfth European Symposium
Xagena Mappa
Medical Meeting

Albuminuria e fallimento dell’allotrapianto, eventi di malattia cardiovascolare e morte per tutte le cause nei destinatari stabili di trapianto renale: studio FAVORIT


La malattia cardiovascolare è comune e la sopravvivenza globale del trapianto non è ottimale tra i pazienti sottoposti a trapianto di rene.
Sebbene l'albuminuria sia un noto fattore di rischio per esiti avversi tra le persone con patologia renale cronica nativa, la relazione tra albuminuria ed esiti cardiovascolari e renali nei pazienti sottoposti a trapianto è incerta.

È stata effettuata una analisi di coorte longitudinale post hoc dello studio FAVORIT ( Folic Acid for Vascular Outcomes Reduction in Transplantation ) con destinatari stabili di trapianto renale e con livelli elevati di omocisteina da 30 siti negli Stati Uniti, in Canada e in Brasile.

Il predittore considerato era il rapporto albumina-creatinina urinaria ( ACR ) alla randomizzazione. Gli esiti erano fallimento dell’alloinnesto, malattia cardiovascolare e morte per qualsiasi causa.

Sono stati utilizzati modelli multivariati aggiustati per età; sesso; etnia; allocazione del trattamento randomizzato; nazione; pressione arteriosa sistolica e diastolica; storia di malattia cardiovascolare, diabete mellito e ipertensione; fumo; colesterolo; indice di massa corporea; velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ); tipo di donatore; tempo con il trapianto; farmaci e immunosoppressione.

Tra 3.511 partecipanti con dati completi, ACR mediano è stato pari a 24 mg/g, eGFR medio a 49 ml/min/1.73 m2.
L'età media era di 52 anni e il tempo mediano con il trapianto era di 4.1 anni.
1.017 pazienti ( 29% ) presentavano ACR inferiore a 10 mg/g, 912 ( 26% ) ACR compreso tra 10 e 29 mg/g, 1.134 ( 32% ) ACR tra 30 e 299 mg/g e 444 ( 13% ) ACR maggiore o uguale a 300 mg/g.

Durante circa 4 anni, si sono verificati 282 eventi di fallimento dell’allotrapianto, 497 eventi cardiovascolari e 407 decessi.

I tassi di eventi erano più alti sia con eGFR più bassi sia con ACR più alti.

I pazienti con ACR da 30 a 299 e maggiore o uguale a 300 mg/g rispetto ad ACR inferiore a 10 mg/g sono stati associati in modo indipendente a fallimento del trapianto ( HR=3.40 e 9.96, rispettivamente ), eventi cardiovascolari ( HR 1.25 e 1.55, rispettivamente ) e morte per qualsiasi causa ( HR 1.65 e 2.07, rispettivamente ).

In una vasta popolazione di pazienti sottoposti a trapianto renale stabile, un ACR basale elevato è risultato associato in modo indipendente a fallimento dell’allotrapianto, malattia cardiovascolare e morte.
Sono necessari studi futuri per valutare se la riduzione dell'albuminuria sia in grado di migliorare questi esiti. ( Xagena2019 )

Weiner DE et al, Am J Kidney Dis 2019; 73: 51-61

Nefro2019 Cardio2019



Indietro