Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Farmaexplorer.it

Associazione delle misure della funzione renale con i segni di neurodegenerazione e malattia dei piccoli vasi alla risonanza magnetica cerebrale


La malattia renale cronica ( CKD ) è un fattore di rischio per il declino cognitivo, ma l'evidenza è limitata sull'eziologia e sulla manifestazione morfologica nel cervello.

Uno studio ha valutato l'associazione tra la velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) e il rapporto urinario albumina-creatinina ( UACR ) con anomalie strutturali cerebrali visibili alla risonanza magnetica per immagini ( MRI ).
E' stato inoltre valutato se questa associazione risultasse alterata utilizzando diversi biomarcatori per stimare la velocità di filtrazione glomerulare.

La ricerca ha riguardato 1527 partecipanti allo studio ARIC ( Atherosclerosis Risk in Communities ).

I predittori indagati, log-UACR ed eGFR, erano basati su cistatina-C, creatinina, cistatina-C e creatinina e beta-2-microglobulina ( B2M ).

Gli endpoint erano: riduzione del volume cerebrale, infarti, microemorragie, lesioni della sostanza bianca.

Il più basso valore di eGFR è risultato associato a un ridotto volume corticale ( coefficiente di regressione per diminuzione di 1-IQR [ 1 interquartile range ]: -0.07 ), aumento del volume di iperintensità della sostanza bianca ( trasformato in logaritmo ) ( 0.07 ) e a una ridotta anisotropia frazionaria della sostanza bianca ( -0.08 ).

I risultati sono stati simili quando l'eGFR è stato stimato con diverse equazioni basate su cistatina-C, creatinina, una combinazione di cistatina-C e creatinina, nonché B2M.

Un più elevato UACR ( trasformato in logaritmo ) è risultato similmente associato a questi risultati così come a infarti cerebrali ( odds ratio per aumento di 1-IQR: 1.31 ) e micro-emorragie ( 1.30 ).

La riduzione del volume cerebrale era simile alle regioni solitamente suscettibili alla malattia di Alzheimer e all'encefalopatia TDP-43 legata all'età con predominanza limbica ( LATE ) rispetto al resto della corteccia.

Dallo studio è emerso che UACR ed eGFR sono associati a danno cerebrale strutturale in diversi domini di eziologia.
L'atrofia cerebrale correlata a eGFR e UACR non è selettiva per le regioni tipicamente colpite da malattia di Alzheimer ed encefalopatia LATE. Pertanto, la malattia di Alzheimer o l'encefalopatia LATE potrebbero non contribuire alla neurodegenerazione associata alla malattia renale cronica. ( Xagena2022 )

Scheppach JB et al, Am J Kidney Dis 2022; Online ahead of print

Nefro2022 Neuro2022



Indietro