Twelfth European Symposium
EMUC17
Xagena Mappa
Medical Meeting

Associazione tra velocità di filtrazione glomerulare stimata e albuminuria con mortalità e insufficienza renale in base al sesso


È stata valutata la presenza di una interazione col sesso nelle associazioni della velocità stimata di filtrazione glomerulare ( eGFR ) e albuminuria con la mortalità per qualsiasi causa, mortalità cardiovascolare e malattia renale allo stadio terminale.

È stata effettuata una meta-analisi utilizzando i dati dei partecipanti a 46 coorti in Europa, Nord America e Sud America, Asia e Australia.

Lo studio ha riguardato 2.051.158 ( 54% donne ) provenienti da coorti di popolazione generale ( n=1.861.052 ), coorti ad alto rischio ( n=151.494 ) e coorti con malattie renali croniche ( n=38.612 ).

Le coorti ammesse ( tranne le coorti con malattie renali croniche ) hanno avuto almeno 1.000 partecipanti, esiti di mortalità o malattia renale allo stadio terminale di 50 eventi o più, e misurazioni della velocità di filtrazione glomerulare stimata secondo la equazione Chronic Kidney Disease Epidemiology Collaboration ( mL/min/1.73 m2 ) e del rapporto albumina-creatinina urinarie ( mg/g ).

I rischi di mortalità per qualsiasi causa e la mortalità cardiovascolare sono risultati più alti negli uomini a tutti i livelli di velocità di filtrazione glomerulare stimata e di rapporto albumina-creatinina.

Mentre un rischio più elevato era associato con una velocità di filtrazione glomerulare stimata inferiore e con un rapporto albumina-creatinina superiore in entrambi i sessi, la pendenza del rapporto di rischio per tutte le cause di mortalità e di mortalità cardiovascolare è risultata più ripida nelle donne rispetto agli uomini.

A fronte di un tasso di filtrazione glomerulare stimato di 95, l'hazard ratio aggiustato ( aHR ) per la mortalità per qualsiasi causa alla velocità di filtrazione glomerulare stimata di 45 è stato di 1.32 nelle donne e di 1.22 negli uomini ( P interazione minore di 0.01 ).

Rispetto a un rapporto albumina-creatinina urinarie di 5, aHR per la mortalità per qualsiasi causa a un rapporto albumina-creatinina urinarie di 30 era 1.69 nelle donne e 1.43 negli uomini ( P interazione minore di 0.01 ).

Per contro, non vi è stata alcuna evidenza di una differenza tra I sessi nelle associazioni tra velocità di filtrazione glomerulare stimata e rapporto albumina-creatinina urinarie con il rischio di malattia renale allo stadio terminale.

Entrambi i sessi devono affrontare un aumento del rischio di mortalità per qualsiasi causa, mortalità cardiovascolare e malattia renale allo stadio terminale con più bassa velocità di filtrazione glomerulare stimata e più alta albuminuria. ( Xagena2013 )

Nitsch D et al, BMJ 2013; 346: f324

Nefro2013



Indietro