EMUC17
Twelfth European Symposium
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Canagliflozin riduce il rischio di morte per cause cardiovascolari negli adulti con diabete di tipo 2 e nefropatia cronica


La Food and Drug Administration ( FDA ) ha approvato una nuova indicazione per Invokana ( Canagliflozin ) per ridurre il rischio di malattia renale allo stadio terminale ( ESRD ), raddoppio dei livelli di creatinina sierica, morte cardiovascolare e ricovero per scompenso cardiaco negli adulti con diabete mellito di tipo 2 e nefropatia diabetica con albuminuria superiore a 300 mg/die.

L'approvazione si è basata sui risultati della sperimentazione di fase 3, controllata con placebo, a gruppi paralleli, a 2 bracci CREDENCE ( Canagliflozin and Renal Events in Diabetes with Established Nephropathy Clinical Evaluation ) ( n = 4401 ).
Lo studio ha arruolato pazienti con diabete di tipo 2, malattia renale cronica di stadio 2 o 3 ( eGFR [ velocità di filtrazione glomerulare stimata ] da 30 o superiore a inferiore a 90 mL/min/1.73m2 ) e albuminuria, che stavano ricevendo uno standard di cura inclusa una dose giornaliera massima tollerata di un ACE-inibitore o un bloccante il recettore dell'angiotensina II ( sartano ).
I pazienti sono stati randomizzati a ricevere Canagliflozin 100 mg al giorno oppure placebo.

Durante il periodo mediano di follow-up è stato di 2.62 anni, i pazienti trattati con Canagliflozin avevano un rischio statisticamente significativo inferiore del 30% dell'endpoint composito primario di insufficienza renale, il raddoppio del livello sierico di creatinina o la morte per cause renali o cardiovascolari rispetto a quelle che hanno ricevuto placebo ( hazard ratio, HR=0.70; IC al 95%, da 0.59 a 0.82; P inferiore a 0.0001 ).

I risultati hanno anche rivelato che i pazienti trattati con Canagliflozin avevano un rischio statisticamente significativo inferiore dell'endpoint secondario composito di morte cardiovascolare, infarto del miocardio o ictus ( HR=0.80; IC al 95%, da 0.67 a 0.95; P = 0.02 ) assieme a una riduzione del 39% della ospedalizzazione per scompenso cardiaco ( HR=0.61; IC al 95%, da 0.47 a 0.80; P inferiore a 0.001 ).

Riguardo alla sicurezza, Canagliflozin ha presentato un profilo di eventi avversi complessivamente simile, compresi gli eventi avversi gravi, rispetto al placebo.
Con Canagliflozin sono stati osservati tassi più elevati di chetoacidosi diabetica e infezioni micotiche genitali. ( Xagena2019 )

Fonte: FDA, 2019

Endo2019 Nefro2019 Cardio2019 Farma2019


Indietro