Twelfth European Symposium
EMUC17
Xagena Mappa
Medical Meeting

Confronto tra nefrectomia citoriduttiva immediata versus posticipata nei pazienti con carcinoma a cellule renali con metastasi sincrone trattati con Sunitinib: studio SURTIME


Nella pratica clinica, ai pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico primario ( mRCC ) viene offerta la nefrectomia citoriduttiva ( CN ) seguita da terapia mirata, ma la sequenza ottimale di chirurgia e terapia sistemica è sconosciuta.
Si è valutato se un periodo di terapia con Sunitinib ( Sutent ) prima della nefrectomia citoriduttiva migliori l'esito rispetto alla nefrectomia citoriduttiva immediata seguita da Sunitinib.

Questo studio clinico randomizzato è iniziato come una sperimentazione di fase 3 nel 2010 e si è protratto fino al 2016, con un follow-up mediano di 3.3 anni.
Sono stati studiati pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico del sottotipo a cellule chiare, tumore primario resecabile e 3 o meno fattori di rischio chirurgici.

I pazenti sono stati sottoposti a nefrectomia citoriduttiva immediata seguita da terapia con Sunitinib versus trattamento con 3 cicli di Sunitinib seguiti da nefrectomia citoriduttiva in assenza di progressione seguita da terapia con Sunitinib.

La sopravvivenza libera da progressione ( PSF ) era l'endpoint primario, che richiedeva una dimensione del campione di 458 pazienti.

A causa dello scarso arruolamento, il Comitato indipendente di monitoraggio dei dati ha approvato invece il tasso libero da progressione ( PFR ) a 28 settimane secondo intention-to-treat.
La sopravvivenza globale ( OS ), gli eventi avversi e la progressione postoperatoria erano endpoint secondari.

Lo studio è stato chiuso dopo 5.7 anni con 99 pazienti ( 80 uomini e 19 donne, età media 60 anni ).
Il tasso libero da progressione a 28 settimane è stato del 42% nel braccio di nefrectomia citoriduttiva immediata ( n=50 ) e del 43% nel braccio di nefrectomia citoriduttiva posticipata ( n=49 ) ( P=0.61 ).

L'hazard ratio ( HR ) della sopravvivenza globale per intention-to-treat è stato pari a 0.57 ( P=0.03 ), con una sopravvivenza globale mediana di 32.4 mesi nel braccio nefrectomia citoriduttiva posticipata e 15.0 mesi nel braccio nefrectomia citoriduttiva immediata.

Nel braccio nefrectomia citoriduttiva posticipata, 48 pazienti su 49 ( 98% ) hanno ricevuto Sunitinib vs 40 su 50 ( 80% ) nel braccio nefrectomia citoriduttiva immediata.

La progressione sistemica prima della nefrectomia citoriduttiva programmata nel braccio nefrectomia citoriduttiva posticipata ha portato a una raccomandazione per protocollo contro la nefrectomia in 14 pazienti ( 29% ).

La nefrectomia citoriduttiva posticipata non ha migliorato il tasso libero da progressione a 28 settimane.
Con l'approccio posticipato, più pazienti hanno ricevuto Sunitinib e i risultati di sopravvivenza globale sono stati più alti.
Il pretrattamento con Sunitinib può identificare pazienti con resistenza alla terapia sistemica prima della nefrectomia citoriduttiva programmata. ( Xagena2019 )

Bex A et al, JAMA Oncol 2019; 5: 164-170

Nefro2019 Onco2019 Farma2019 Chiru2019


Indietro