Xagena Mappa
Twelfth European Symposium
EMUC17
Xagena Newsletter

Crioablazione laparoscopica per carcinoma a cellule renali


Con l'aumento dell’incidenza di carcinoma a cellule renali le opzioni di trattamento per la piccola massa renale si sono ampliate.
La crioablazione è sempre più utilizzata come opzione terapeutica per i tumori renali in casi selezionati. Tuttavia, gli studi con i risultati oncologici a lungo termine sono scarsi.

Sono stati valutati i risultati oncologici a lungo termine della crioablazione laparoscopica della massa renale.

È stato revisionato un database di crioablazione laparoscopica per pazienti trattati con crioablazione laparoscopica dal 1997 al 2005.

I pazienti con meno di 3 mesi di follow-up sono stati esclusi dallo studio.

Sono state registrate le caratteristiche del paziente e del tumore, e gli esiti perioperatori, tra cui le complicazioni.
È stata analizzata la sopravvivenza libera da recidiva, cancro-specifica e globale utilizzando le curve di Kaplan-Meier.

In totale 142 tumori in 138 pazienti consecutivi sono stati trattati con crioablazione laparoscopica.
L'età media della coorte era di 66.35 anni.
Dei pazienti, 99 ( 71.7% ) erano maschi e 39 ( 28.3% ) erano di sesso femminile.
L’indice di massa corporea media era pari a 29.15 kg/m2 e il punteggio ASA mediano era 3.

Un rene solitario era presente in 23 pazienti ( 16.2% ).
La dimensione media del tumore all'imaging in sezione trasversale era di 2.4 cm.
Il tasso medio pre-operatorio e post-operatorio di filtrazione glomerulare stimata era, rispettivamente, pari a 66.72 e 61.00 ml al minuto.
La velocità di filtrazione glomerulare stimata postoperatoria è stata determinata a una media di 15.17 mesi di follow-up.

Il punteggio mediano di nefrometria R.E.N.A.L. è stato di 5.

Su 142 tumori, 100 sono stati diagnosticati come carcinoma renale dopo l'esame istopatologico del campione bioptico.

A 3, 5 e 10 anni, in pazienti con diagnosi di carcinoma a cellule renali, la sopravvivenza libera da recidive stimata è stata pari a 91.4%, 86.5% e 86.5%, la sopravvivenza cancro-specifica stimata è stata 96.8%, 96.8% e 92.6%, e la sopravvivenza globale stimata è stata 88.7%, 79.1% e 53.8%, rispettivamente.

Il follow up medio è stato di 98.8 mesi nei soggetti con diagnosi di carcinoma a cellule renali.

Il tempo medio alla recidiva è stato di 2.3 anni.
L'ultima recidiva si è avuta 4.4 anni dopo la crioablazione laparoscopica.

C'è stato un tasso di complicanze post-operatorie del 10.6%, con un totale di 15 complicanze.

In conclusione, la crioablazione laparoscopica permette di ottenere buoni risultati oncologici a lungo termine per le piccole masse renali localizzate.
Può tranquillamente essere impiegata in pazienti che non possono sottoporsi o non sono disposti ad accettare i rischi di una nefrectomia parziale.
Il tempo medio alla recidiva è stato di 2.3 anni e tutte le recidive si sono sviluppate entro 4.4 anni dal trattamento iniziale. ( Xagena2015 )

Caputo PA et al, J Urology 2015; 194: 892-896

Nefro2015 Onco2015 Chiru2015



Indietro