Twelfth European Symposium
EMUC17
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Declino della filtrazione glomerulare stimata e successivo rischio di malattia renale allo stadio finale e mortalità


La progressione accertata della malattia renale cronica della malattia renale allo stadio terminale ( ESRD ) o un raddoppio della concentrazione di creatinina sierica ( corrispondente a una variazione delle velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) di -57% o valore superiore ) è un evento tardivo.

È stata caratterizzata l'associazione tra calo di eGFR e la successiva progressione a malattia renale allo stadio terminale, con implicazioni per l'utilizzo di minori cali in eGFR come potenziali endpoint alternativi per la progressione della malattia renale cronica.
Poiché la maggior parte delle persone con malattia renale cronica muore prima di sviluppare la malattia renale allo stadio terminale, è stato studiato anche il rischio di mortalità.

È stata effettuata una meta-analisi individuale di 1.7 milioni di partecipanti con 12.344 eventi di malattia renale allo stadio terminale e 223.944 decessi da 35 coorti nel CKD Prognosis Consortium, con una misurazione ripetuta della concentrazione sierica di creatinina in un periodo da 1 a 3 anni e analisi dei dati di esito.
Sono stati utilizzati i valori di eGFR al basale raccolti nel periodo 1975-2012.

Gli esiti principali sono stati la malattia renale allo stadio terminale ( inizio della dialisi o trapianto ) o il rischio di mortalità per tutte le cause correlata alla variazione percentuale nella velocità di filtrazione glomerulare stimata in 2 anni, aggiustato per potenziali fattori di confondimento e il primo valore di eGFR.

Gli hazard ratio ( HR ) aggiustati di malattia renale allo stadio terminale e di mortalità sono stati più alti con un maggiore calo di eGFR.
Tra i partecipanti con eGFR basale inferiore a 60 ml/min/1.73 m2, gli hazard ratio aggiustati per malattia renale allo stadio terminale sono stati 32.1 per cambiamenti di -57% nella velocità di filtrazione glomerulare stimata e 5.4 per cambiamenti di -30%.

Tuttavia, cambiamenti di -30% o superiori ( 6.9% dell'intero gruppo ) sono stati più comuni dei cambiamenti di -57% ( 0.79% ).
Questa associazione è risultata forte e costante per tutto il periodo di riferimento basale ( da 1 a 3 anni ), per il valore basale di eGFR, età, stato del diabete mellito, o albuminuria.

Il rischio medio aggiustato a 10 anni di malattia renale allo stadio terminale ( in pazienti con un eGFR basale di 35 ml/min/1.73 m2 ) è stato del 99% per un cambiamento di eGFR di -57%, 83% per un cambiamento di eGFR del 40%, e 64% per un cambiamento di eGFR del -30% versus 18% per il cambiamento eGFR pari a 0%.
I rischi di mortalità corrispondenti sono stati 77%, 60% e 50% versus 32%, il che mostra un pattern simile ma più debole.

In conclusione, cali della velocità di filtrazione glomerulare stimata più piccoli rispetto a un raddoppio della concentrazione di creatinina sierica si sono verificati più frequentemente e sono stati fortemente e costantemente associati con il rischio di malattia renale allo stadio terminale e di mortalità, sostenendo la considerazione di un minor calo di eGFR ( ad esempio una riduzione del 30% in 2 anni ) come un endpoint alternativo per la progressione della malattia renale cronica. ( Xagena2014 )

Coresh J et al, JAMA 2014; 311: 2518-2531

Nefro2014



Indietro