Xagena Mappa
Twelfth European Symposium
EMUC17
Xagena Newsletter

Defibrillatori cardioverter impiantabili per la prevenzione primaria di morte cardiaca improvvisa nella malattia renale cronica


Il vantaggio della prevenzione primaria con defibrillatore cardioverter impiantabile ( ICD ) nei pazienti con malattia renale cronica non è ben definito.

È stata effettuata una meta-analisi di dati da studi randomizzati controllati con pazienti con insufficienza cardiaca sintomatica e frazione di eiezione ventricolare sinistra minore del 35%.

Da 7 studi controllati e randomizzati disponibili sono stati selezionati gli studi con dati disponibili per covariate importanti.
Gli studi senza dati sulla velocità di filtrazione glomerulare stimata basale ( eGFR ) sono stati esclusi.

È stato esaminato l’effetto della prevenzione primaria con ICD rispetto alla cura standard in base a eGFR.

Sono stati inclusi i dati dello studio MADIT-I ( Multicenter Automatic Defibrillator Implantation Trial I ), MADIT-II e SCD-HeFT ( Sudden Cardiac Death in Heart Failure Trial ).

Sono stati inclusi 2.867 pazienti; il 36.3% aveva eGFR minore di 60 ml/min/1.73 m2.

La stima della probabilità di morte durante il follow-up è stata del 43.3% per i 1.334 pazienti che hanno ricevuto le cure standard e 35.8% per i 1.533 destinatari di ICD.

Dopo aggiustamento per le differenze di base, è emerso che il beneficio di sopravvivenza da ICD rispetto alla terapia tradizionale dipendeva da eGFR ( probabilità a posteriori per interazione nulla P minore di 0.001 ).

L’ICD è stato associato a un beneficio di sopravvivenza per i pazienti con eGFR maggiore o uguale a 60 ml/min/1.73 m2 ( hazard ratio, HR aggiustato, 0.49 ), ma non per i pazienti con eGFR minore di 60 ml/min/1.73 m2 ( HR aggiustato 0.80 ).

eGFR non ha modificato l'associazione tra ICD e ri-ospedalizzazione.

Le limitazioni della meta-analisi consistevano nel fatto che erano disponibili pochi pazienti con eGFR inferiore a 30 ml/min/1.73 m2.

Le differenze nelle tecniche di misurazione di studio contro studio possono aver portato a confondimenti residui.

In conclusione, le riduzioni di eGFR basale diminuiscono il beneficio di sopravvivenza associato a ICD.
Questi risultati devono essere confermati da ulteriori studi specificamente effettuati con pazienti con eGFR variabili. ( Xagena2014 )

Pun PH et al, Am J Kidney Dis 2014;64:32-39

Nefro2014 Cardio2014



Indietro