Xagena Mappa
Twelfth European Symposium
EMUC17
Xagena Newsletter

Effetto della Lanreotide sulla funzionalità renale nei pazienti con malattia renale policistica autosomica dominante: studio DIPAK 1


La malattia renale policistica autosomica dominante ( ADPKD ) è caratterizzata da una progressiva formazione di cisti in entrambi i reni e dalla perdita della funzionalità renale, portando infine alla necessità di una terapia sostitutiva dei reni.
Esistono opzioni limitate di gestione terapeutica.

È stato esaminato l'effetto dell'analogo della somatostatina Lanreotide ( Ipstyl ) sul tasso di perdita della funzionalità renale in pazienti con malattia renale policistica autosomica dominante in stadio avanzato.
Uno studio clinico randomizzato in aperto con valutazione dell’endpoint in cieco ha interessato 309 pazienti con malattia ADPKD dal 2012 al 2015 presso 4 cliniche ambulatoriali nefrologiche nei Paesi Bassi.

I pazienti eleggibili avevano dai 18 ai 60 anni di età e avevano una velocità stimata di filtrazione glomerulare ( eGFR ) da 30 a 60 ml/min/1.73 m2.
Il follow-up della durata di 2.5 anni si è concluso nel 2017.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere Lanreotide ( 120 mg per via sottocutanea una volta ogni 4 settimane ) in aggiunta alla terapia standard ( n=153 ) o solo la terapia standard ( pressione arteriosa inferiore a 140/90 mm Hg; n=152 ).

L'esito primario era la variazione annuale di eGFR valutata come pendenza attraverso i valori di eGFR durante la fase di trattamento di 2.5 anni.
Gli esiti secondari includevano cambiamenti di eGFR prima e dopo il trattamento, incidenza di peggioramento della funzionalità renale ( inizio della dialisi o diminuzione del 30% di eGFR ), variazione del volume totale dei reni e cambiamento della qualità di vita ( intervallo: da 1, non-peggiorata, a 5, estremamente peggiorata ).

Tra i 309 pazienti randomizzati ( età media, 48.4 anni, 53.4% donne ), 261 ( 85.6% ) hanno completato lo studio.

Il tasso annuale di declino di eGFR per Lanreotide rispetto al gruppo di controllo è stato di -3.53 vs -3.46 ml/min/1.73 m2 all'anno ( differenza, -0.08, P=1.81 ).

Non ci sono state differenze significative per l'incidenza di peggioramento della funzionalità renale ( hazard ratio, HR=0.87, P=0.87 ), variazione di eGFR ( -3.58 vs -3.45; differenza, -0.13 ml/min/1.73 m2 all'anno, P=0.88 ) e variazione della qualità di vita ( 0.05 vs 0.07, differenza, -0.03 unità all'anno, P=0.67 ).

Il tasso di crescita del volume totale dei reni era inferiore nel gruppo Lanreotide rispetto al gruppo di controllo ( 4.15% vs 5.56%, differenza, -1.33% all'anno, P=0.02 ).

Gli eventi avversi nel gruppo Lanreotide rispetto al gruppo di controllo hanno incluso disagio al sito di iniezione ( 32% vs 0.7% ), papule nel sito di iniezione ( 5.9% vs 0% ), feci molli ( 91% vs 6.6% ), disturbi addominali ( 79% vs 20% ) e infezioni cistiche epatiche ( 5.2% vs 0% ).

Tra i pazienti con malattia renale policistica autosomica dominante in fase avanzata, il trattamento con Lanreotide rispetto alle cure standard non ha rallentato il declino della funzionalità renale in 2.5 anni di follow-up.
Questi risultati non supportano l'uso di Lanreotide per il trattamento della malattia del rene policistico autosomico dominante in fase avanzata. ( Xagena2018 )

Meijer E et al, JAMA 2018; 320: 2010-2019

Nefro2018 Farma2018


Indietro