EMUC17
Twelfth European Symposium
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Ferro per via endovenosa nei pazienti sottoposti a emodialisi di mantenimento


Il Ferro per via endovenosa è un trattamento standard per i pazienti sottoposti ad emodialisi, ma i dati comparativi riguardanti i regimi clinicamente efficaci sono limitati.

In uno studio multicentrico, in aperto, con valutazione dell’endpoint in cieco, sono stati randomizzati adulti sottoposti a emodialisi di mantenimento a ricevere Saccarosio di Ferro ad alte dosi, somministrato per via endovenosa in modo proattivo ( 400 mg al mese, finché la concentrazione di ferritina fosse superiore a 700 microg per litro o la saturazione della transferrina fosse maggiore o uguale al 40% ), o Saccarosio di Ferro a bassa dose, somministrato per via endovenosa in modo reattivo ( da 0 a 400 mg al mese, con una concentrazione di ferritina inferiore a 200 microg per litro o una saturazione della transferrina inferiore al 20% come fattore scatenante per la somministrazione del Ferro ).

L'endpoint primario era un composito di infarto miocardico non-fatale, ictus non-fatale, ospedalizzazione per insufficienza cardiaca o morte, valutato in una analisi time-to-first-event.
Questi endpoint sono stati analizzati anche come eventi ricorrenti.
Altri endpoint secondari comprendevano morte, tasso di infezione e dose di un agente stimolante l'eritropoiesi.

La non-inferiorità del gruppo ad alte dosi rispetto al gruppo a basse dosi è stata stabilita se il limite superiore dell'intervallo di confidenza del 95% per il rapporto di rischio per l'endpoint primario non avesse superato 1.25.

In totale 2.141 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione ( 1.093 pazienti nel gruppo ad alto dosaggio e 1.048 nel gruppo a basso dosaggio ).
Il follow-up mediano è stato di 2.1 anni.
I pazienti nel gruppo ad alto dosaggio hanno ricevuto una dose mensile media di Ferro di 264 mg rispetto a 145 mg nel gruppo a basso dosaggio.
La dose mensile media di un agente stimolante l'eritropoiesi era 29.757 UI nel gruppo ad alte dosi e 38.805 UI nel gruppo a basso dosaggio ( differenza media, -7539 UI ).

In totale 320 pazienti ( 29.3% ) nel gruppo ad alte dosi hanno avuto un evento di endpoint primario, rispetto a 338 ( 32.3% ) nel gruppo a basso dosaggio ( hazard ratio, HR=0.85; P minore di 0.001 per la non-inferiorità; P=0.04 per superiorità ).

In una analisi che utilizzava un approccio ad eventi ricorrenti, ci sono stati 429 eventi nel gruppo con alte dosi e 507 nel gruppo con basso dosaggio ( rate ratio, RR=0.77 ).

Il tasso di infezione era lo stesso nei due gruppi.

In conclusione, tra i pazienti sottoposti ad emodialisi, un regime di Ferro per via endovenosa ad alte dosi somministrato in modo proattivo è risultato superiore a un regime a basso dosaggio somministrato in modo reattivo, e ha comportato la somministrazione di dosi più basse di agente stimolante l'eritropoiesi. ( Xagena2019 )

Macdougall IC et al, N Engl J Med 2019; 380: 447-458

Nefro2019 Farma2019


Indietro