Twelfth European Symposium
EMUC17
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Livelli sierici di Testosterone ed esiti clinici in pazienti di sesso maschile in emodialisi


Gli studi che hanno correlato una bassa concentrazione di Testosterone nel siero agli esiti clinici avversi nei pazienti in emodialisi erano relativamente piccoli.
È stato studiato il ruolo del Testosterone negli esiti avversi e nella qualità di vita in una coorte di pazienti canadesi di sesso maschile in emodialisi.

Lo studio osservazionale multicentrico prospettico è stato progettato utilizzando i dati del Canadian Kidney Disease Cohort Study ( CKDCS ).

Sono stati esaminati i pazienti di sesso maschile che hanno iniziato la terapia di emodialisi a partire dal febbraio 2005, in 3 Centri canadesi di riferimento per popolazioni etnicamente diversificate ( n=623 ).

I predittori considerati sono stati i livelli sierici di testosterone utilizzando i cutoff della ISA ( International Society of Andrology ), ISSAM ( International Society for the Study of the Aging Male ) e EAU ( European Association of Urology ) ( livello basso, minore di 231 ng/dl; livello borderline, 231-346 ng/dl; livello normale, maggiore di 346 ng/dl ).

Gli esiti analizzati sono stati la mortalità per tutte le cause, gli eventi cardiovascolari fatali e non-fatali, e la qualità di vita correlata alla salute valutata mediante Health Utility Index ( HUI ).

I partecipanti allo studio hanno risposto a domande strutturate su demografia e anamnesi medica e a un questionario HUI ( versione 3 ).
I risultati dei test di laboratorio di routine sono stati recuperati dal database di studio, e il Testosterone sierico è stato misurato entro 3 mesi dall'inizio della sessione di emodialisi di base.

Nel corso di un follow-up medio di 20 mesi ( range 1-81 mesi ), 166 pazienti ( 27% ) sono deceduti e 98 ( 20% ) sono andati incontro a un evento cardiovascolare.

Il livello medio di Testosterone sierico è stato pari a 234.1 ng/dl.
Elevati livelli sierici di Testosterone sono stati associati a una diminuzione significativa del rischio non-aggiustato di morte ( hazard ratio, HR per aumento di 10 ng/dl, 0.58 ).

C'è stata una tendenza statisticamente significativa verso una maggiore mortalità per tutte le cause, con bassi livelli sierici di Testosterone nelle analisi rettificate ( P minore di 0.001 ).

Livelli più elevati di Testosterone sono risultati correlati a punteggi HUI significativamente più alti ( P per trend minore di 0.001 ); bassi livelli sierici di Testosterone erano associati in modo significativo a punteggi HUI più bassi ( P per trend minore di 0.001 ).

Anche se c'è stata una tendenza significativa nel rischio non-aggiustato di eventi cardiovascolari tra i soggetti con bassi livelli sierici di Testosterone ( P minore di 0.001 ), il rischio non è risultato più significativo dopo l’aggiustamento per età.

Non c'è stata alcuna interazione significativa tra età e i livelli di testosteronemia testati come variabili continue ( P=0.07 ).

Le limitazioni dello studio erano rappresentate da un breve periodo di follow-up e dalla misurazione in una singola occasione del Testosterone sierico.

In conclusione, una concentrazione sierica bassa di Testosterone può essere un fattore di rischio modificabile per esiti negativi e scarsa qualità della vita nei pazienti in emodialisi di sesso maschile.
Questa ipotesi dovrebbe essere verificata in studi randomizzati e controllati. ( Xagena2014 )

Bello AK et al, Am J Kidney Dis 2014; 63: 268-275

Nefro2014 Endo2014



Indietro