EMUC17
Twelfth European Symposium
Xagena Mappa
Medical Meeting

Modalità di dialisi e fibrillazione atriale incidente nei pazienti anziani con malattia renale allo stadio terminale


La fibrillazione atriale è comune nei pazienti con insufficienza renale sottoposti a dialisi di mantenimento.
Non è chiaro se l'incidenza della fibrillazione atriale differisca tra i pazienti in emodialisi e dialisi peritoneale.

Utilizzando i dati dello US Renal Data System, sono stati identificati i pazienti più anziani ( 67 anni e oltre ) con Medicare parti A e B che hanno iniziato la terapia di dialisi nel periodo 1996-2011 senza una diagnosi di fibrillazione atriale durante i 2 anni precedenti.
I pazienti con malattia renale allo stadio terminale incidente ( ESRD ) sono stati esposti a diverse modalità di dialisi e mantenimento per almeno 90 giorni.

I pazienti sono stati seguiti per 36 mesi o meno per una nuova diagnosi di fibrillazione atriale.

Complessivamente, erano ammissibili 271.722 pazienti anziani; 17.487 ( 6.9% ) sono stati trattati con dialisi peritoneale e 254.235 ( 93.1% ) con emodialisi all'inizio della malattia renale in fase terminale.

Durante 406.225 anni-persona di follow-up, a 69.705 pazienti è stata fatta una nuova diagnosi di fibrillazione atriale.

Poiché l'assunto di proporzionalità è stato violato, è stato introdotto un termine di interazione tra tempo ( i primi 90 giorni versus i successivi ) e modalità.

L'incidenza di fibrillazione atriale durante i primi 90 giorni è stata di 187 per 1.000 anni-persona con la dialisi peritoneale e 372 per 1.000 anni-persona con l'emodialisi.

I pazienti in dialisi peritoneale avevano un'incidenza aggiustata di fibrillazione atriale del 39% inferiore rispetto a quelli in terapia di emodialisi.
Dal giorno 91 in poi, l'incidenza di fibrillazione atriale è stata di circa 140 per 1.000 anni-persona senza differenze sostanziali tra le modalità.

Anche se i pazienti che hanno iniziato la dialisi utilizzando la dialisi peritoneale hanno presentato una incidenza di fibrillazione atriale inferiore durante i primi 90 giorni della malattia renale allo stadio terminale, non vi sono state differenze significative nell'incidenza di fibrillazione atriale in seguito.
Il valore degli interventi per ridurre il rischio precoce di fibrillazione atriale in eccesso nei pazienti sottoposti a emodialisi può giustificare ulteriori studi. ( Xagena2019 )

Niu J et al, Am J Kidney Dis 2019; 73: 324-331

Cardio2019 Nefro2019



Indietro