Twelfth European Symposium
EMUC17
Xagena Mappa
Medical Meeting

Rischio di malattia renale allo stadio terminale dopo donazione di rene


Il rischio di malattia renale allo stadio terminale ( ESRD ) in donatori di rene è stato confrontato con il rischio affrontato dalla popolazione in generale, ma la popolazione in generale rappresenta un comparatore non-monitorato ad alto rischio. Sarebbe più appropriato un confronto con non-donatori sani.

È stato confrontato il rischio di nefropatia allo stadio terminale in donatori di rene con quello di una coorte sana di non-donatori ad altrettanto basso rischio di malattia renale e privi di controindicazioni alla donazione e sono stati stratificati questi confronti in base ai dati anagrafici del paziente.

Una coorte di 96.217 donatori di rene negli Stati Uniti nel periodo 1994-2011 e una coorte di 20.024 partecipanti al Third National Health and Nutrition Examination Survey ( NHANES III ) sono state correlate ai dati dei Centers for Medicare & Medicaid Services per accertare lo sviluppo di malattia renale all'ultimo stadio, definita come l'inizio della dialisi di mantenimento, il posizionamento in lista d'attesa, o la ricezione di un trapianto di rene da donatore vivente o defunto.

Il periodo massimo di follow-up è stato di 15.0 anni; il follow-up medio era di 7.6 anni per i donatori di rene e di 15.0 anni per i non-donatori sani abbinati.

L’endpoint principale era rappresentato dalla incidenza cumulativa e dal rischio nella vita di malattia renale allo stadio terminale.

Tra i donatori vivi, con follow-up medio di 7.6 anni ( al massimo, 15.0 ), la malattia renale allo stadio terminale si è sviluppata in 99 individui in media 8.6 anni dopo la donazione.

Tra i non-donatori sani appaiati, con follow-up medio di 15.0 anni ( massimo, 15.0 ), la malattia renale allo stadio terminale si è sviluppata in 36 non-donatori in 10.7 anni, da 17 eventi di malattia renale allo stadio terminale nel gruppo di 9.364 non-donatori sani non-abbinati.

Il rischio stimato di malattia renale allo stadio terminale 15 anni dopo la donazione è stato di 30.8 casi su 10.000 tra i donatori di rene e di 3.9 su 10.000 nella controparte di non-donatori sani appaiati ( P minore di 0.001 ). Questa differenza è stata osservata in soggetti sia di razza bianca sia di razza nera, con un rischio stimato di 74.7 su 10.000 donatori neri versus 23.9 casi su 10.000 non-donatori neri ( P minore di 0.001 ) e un rischio stimato di 22.7 casi su 10.000 donatori bianchi vs 0.0 non-donatori bianchi ( P minore di 0.001 ).

Il rischio nella vita stimato di malattia renale allo stadio terminale è stato di 90 su 10.000 donatori, 326 su 10.000 non-donatori non-monitorati ( popolazione generale ) e 14 su 10.000 non-donatori sani.

In conclusione, rispetto a non-donatori sani abbinati, i donatori di rene hanno avuto un aumento del rischio di malattia renale allo stadio terminale nell’arco di una media di 7.6 anni; tuttavia, l'entità dell’aumento del rischio assoluto è stata piccola.
Questi risultati possono contribuire ad informare le persone che stanno considerando la donazione di un rene mentre sono in vita. ( Xagena2014 )

Muzaale AD et al, JAMA 2014; 311: 579-586

Nefro2014 Chiru2014



Indietro