EMUC17
Xagena Mappa
Twelfth European Symposium
Xagena Newsletter

Rituximab o Ciclosporina nel trattamento della nefropatia membranosa


Le anomalie delle cellule B svolgono un ruolo nella patogenesi della nefropatia membranosa. La deplezione delle cellule B con Rituximab ( MabThera ) può quindi essere non-inferiore al trattamento con Ciclosporina per indurre e mantenere una remissione completa o parziale della proteinuria nei pazienti con questa condizione.

Sono stati assegnati in modo casuale pazienti che presentavano nefropatia membranosa, proteinuria di almeno 5 g ogni 24 ore e una clearance quantificata della creatinina di almeno 40 ml al minuto per 1.73 m2 di superficie corporea, e che avevano ricevuto un bloccante del sistema dell'angiotensina per almeno 3 mesi a ricevere Rituximab per via endovenosa ( due infusioni, 1.000 mg ciascuna, somministrate a distanza di 14 giorni; ripetute a 6 mesi in caso di risposta parziale ) oppure Ciclosporina orale ( a partire da una dose di 3.5 mg per kg di peso corporeo al giorno per 12 mesi ).

I pazienti sono stati seguiti per 24 mesi.

L'esito primario era un composito di remissione completa o parziale della proteinuria a 24 mesi. Sono state inoltre valutate le variabili di laboratorio e la sicurezza.

In totale sono stati sottoposti a randomizzazione 130 pazienti.

A 12 mesi, 39 pazienti su 65 ( 60% ) nel gruppo Rituximab e 34 su 65 ( 52% ) nel gruppo Ciclosporina hanno presentato una remissione completa o parziale ( differenza di rischio, 8 punti percentuali; P=0.004 per la non-inferiorità ).

A 24 mesi, 39 pazienti ( 60% ) nel gruppo Rituximab e 13 ( 20% ) nel gruppo Ciclosporina hanno presentato una remissione completa o parziale ( differenza di rischio, 40 punti percentuali; P minore di 0.001 sia per la non-inferiorità, sia per la superiorità ).

Tra i pazienti in remissione che si sono dimostrati positivi agli anticorpi anti-recettore della fosfolipasi A2 ( PLA2R ), il declino degli autoanticorpi anti-PLA2R è risultato più rapido e di maggiore entità e durata nel gruppo Rituximab rispetto al gruppo Ciclosporina.

Eventi avversi gravi si sono verificati in 11 pazienti ( 17% ) nel gruppo Rituximab e in 20 ( 31% ) nel gruppo Ciclosporina ( P=0.06 ).

Rituximab è risultato non-inferiore alla Ciclosporina nell'indurre remissione completa o parziale della proteinuria a 12 mesi ed è stato superiore nel mantenere la remissione della proteinuria fino a 24 mesi. ( Xagena2019 )

Fervenza FC et al, N Engl J Med 2019; 381: 36-46

Nefro2019 Farma2019


Indietro