EMUC17
Twelfth European Symposium
Xagena Mappa
Medical Meeting

Sicurezza dei bifosfonati negli adulti con malattia renale cronica


Secondo uno studio di popolazione gli adulti con malattia renale cronica da moderata a grave ad alto rischio di frattura non avevano maggiori probabilità di morire per qualsiasi causa quando veniva loro prescritta la terapia con bifosfonati rispetto agli adulti con nefropatia cronica che non avevano ricevuto un bifosfonato.

I bifosfonati vengono eliminati dai reni e pertanto possono peggiorare la funzione renale e aggravare altri eventi avversi comuni per gli adulti con malattia renale cronica sottoposti a terapia renale sostitutiva, come ipocalcemia, ipofosfatemia ed eventi gastrointestinali.

In uno studio basato sulla popolazione, sono stati analizzati i dati di 230.305 adulti di almeno 40 anni con una velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) inferiore a 45 ml/min/1.73 m2 e almeno 1 anno di dati di follow-up disponibili da CPRD ( U.K. Clinical Practice Research Datalink; 19.351 facenti uso di bifosfonati orali ) e 90.273 adulti dal database SIDIAP ( Catalan Information System for Research in Primary Care; 4.146 facenti uso di bifosfonati orali ).

L'uso dei bifosfonati orali tra cui Alendronato, Risedronato e Ibandronato è stato identificato dalle prescrizioni ( coorte CPRD ) e dalle dispensazioni farmaceutiche ( coorte SIDIAP ).
Sono stati esclusi gli utilizzatori con uso precedente o corrente di altre terapie per l'osteoporosi.

L'endpoint primario era la mortalità per tutte le cause. Per entrambe le coorti, i ricercatori hanno utilizzato modelli di regressione di Cox adattati per calcolare il rischio di mortalità in base all'uso orale di bifosfonati e hanno usato modelli di regressione logistica per calcolare i punteggi di propensione utilizzando predittori di mortalità prespecificati tra cui età, sesso, eGFR di base, stato socioeconomico, comorbilità, fratture precedenti, comorbidità e numero di ricoveri ospedalieri nell'anno precedente.

Nella coorte CPRD, sono stati osservati 5.234 decessi tra coloro che facevano uso di bifosfonati ( 27% ) durante 45.690 anni-persona di follow-up e 85.105 decessi tra i non-utilizzatori ( 40% ) durante 915.867 anni-persona di follow-up.
La mortalità dell'8% inferiore osservata tra i consumatori di bifosfonati rispetto ai non-utilizzatori non si è mantenuta dopo aggiustamento del punteggio di propensione.

Nella coorte SIDIAP, sono stati osservati 1.330 decessi tra i consumatori di bifosfonati ( 32% ) durante 14.374 anni-persona di follow-up e 36.513 decessi tra i non-utilizzatori ( 42% ) durante 344.389 anni-persona di follow-up.
L'uso del bifosfonato orale non è risultato associato a mortalità dopo aggiustamento del punteggio di propensione.

Il tempo mediano di follow-up degli utilizzatori di bifosfonati rispetto ai non-utilizzatori era più breve per la coorte CPRD ( mediana, 1.5 versus 3.5 anni) rispetto alla coorte SIDIAP ( mediana, 3 versus 3.6 anni ).

Inoltre, gli utilizzatori di bifosfonati nella coorte CPRD erano più anziani, avevano una maggiore prevalenza di comorbidità e un più alto tasso di mortalità assoluta rispetto ai non-utilizzatori.

Sono necessarie ulteriori ricerche sugli altri effetti dei bifosfonati orali, inclusi i loro effetti sugli eventi avversi e il rischio di fratture nelle persone con insufficienza renale cronica moderata o grave, in particolare quelli con grado 5 e 5D, che erano sottorappresentati in questo studio. ( Xagena2020 )

Fonte: Journal of Bone and Mineral Research, 2020

Endo2020 Nefro2020 Farma2020


Indietro