EMUC17
Twelfth European Symposium
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Test a 16 geni per prevedere recidive dopo intervento chirurgico nel carcinoma renale localizzato


La probabilità di recidiva del tumore dopo nefrectomia nel carcinoma renale a cellule chiare localizzato è ben caratterizzata da parametri clinici e patologici. Tuttavia, tali valutazioni possono essere migliorate e personalizzate con l'aggiunta di caratteristiche molecolari del tumore di ciascun paziente.

Si è cercato di sviluppare e convalidare una firma multigenica prognostica per migliorare la previsione del rischio di recidiva nel tumore del rene a cellule chiare.

Nella fase di sviluppo, è stata studiata l'associazione tra l'espressione di 732 geni, misurata mediante PCR a trascrizione inversa, ed esito clinico in 942 pazienti con carcinoma renale a cellule chiare in stadio I-III che avevano subito una nefrectomia presso la Cleveland Clinic ( OH, Stati Uniti ).

516 geni sono stati associati con un intervallo libero da recidive. 11 di questi geni sono stati selezionati da ulteriori analisi statistiche, e sono stati combinati con 5 geni di riferimento ( 16 geni in totale ), da cui è stato sviluppato un algoritmo di punteggio di recidiva.

Il punteggio di recidiva è stato poi validato in una coorte indipendente di 626 pazienti provenienti dalla Francia con carcinoma renale a cellule chiare in stadio I-III che aveva anche subito nefrectomia.

L'associazione tra il punteggio di ricorrenza e il rischio di recidiva e la sopravvivenza cancro-specifica nei primi 5 anni dopo l'intervento è stata valutata utilizzando la regressione di rischio proporzionale di Cox, stratificando per stadio del tumore ( stadio I vs stadio II vs III ).

Nella analisi univariata primaria, il punteggio continuo di recidiva ( mediana 37 ) era significativamente associato con l’intervallo libero da recidiva ( hazard ratio, HR=3.91 per aumento di 25 unità nel punteggio, P minore di 0.0001 ).

All'analisi multivariata, il punteggio di recidiva era significativamente associato con il rischio di recidiva del tumore ( hazard ratio per ogni aumento di 25 unità nel punteggio, HR=3.37, P minore di 0.0001 ) dopo stratificazione per stadio e aggiustamento per dimensioni del tumore, grado, o punteggio Leibovich.

Il punteggio di recidiva era in grado di identificare un numero clinicamente significativo di pazienti sia ad alto rischio in fase I sia a basso rischio in fase II-III.
Uno studio di eterogeneità su campioni separati ha mostrato poca o nessuna variabilità intratumorale tra i 16 geni.

I risultati hanno convalidato il punteggio di recidiva come predittore di esito clinico nei pazienti con carcinoma renale a cellule chiare in stadio I-III, che fornisce una più accurata e personalizzata valutazione del rischio al di là dei parametri clinici e patologici esistenti. ( Xagena2015 )

Rini B et al, Lancet 2015;16:676-685

Onco2015 Chiru2015 Nefro2015



Indietro