EMUC17
Xagena Mappa
Twelfth European Symposium
Xagena Newsletter

Uso di inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina / antagonisti del recettore dell'angiotensina e malattia renale acuta dopo danno renale acuto


La persistenza della malattia renale acuta ( AKD ) dopo un episodio di danno renale acuto ( AKI ) è associata a esiti avversi.
Numerosi fattori contribuiscono alla nefropatia acuta dopo lesione renale acuta, ma il ruolo degli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina [ Ace inibitori ] / antagonisti del recettore dell'angiotensina II [ sartani ] ( ACEI / ARB ) rimane controverso.

Uno studio di coorte prospettico multicentrico ha esaminato se l'esposizione acuta a un ACEI / ARB si associa a danno renale persistente nei sopravvissuti a una lesione acuta a carico del rene.
Sono stati arruolati pazienti il cui ricovero in ospedale era stato complicato da danno renale acuto e che avevano frequentato cliniche specializzate nel periodo 2013-2018.

L'esposizione acuta è stata definita come esposizione a un inibitore ACE o a un sartano per 48 ore o più prima o durante l'episodio di danno acuto del rene.

L'outcome primario era la malattia renale acuta ( creatinina sierica maggiore o uguale a 1.5 volte il basale pre-lesione ) alla prima visita clinica.

Sono stati inclusi 345 sopravvissuti a danno renale acuto, 112 con nefropatia acuta persistente alla prima visita ambulatoriale.

Tra i 163 pazienti a cui era stato prescritto un ACE inibitore / sartano prima del ricovero, solo il 23% è stato dimesso con questi farmaci.

Non è stata riscontrata alcuna differenza nel tasso di malattia renale acuta nei pazienti dimessi rispetto a non-dimessi con un ACEI / ARB ( 12.5% versus 15.0%, p = 0.530 ).

Dei pazienti con malattia renale cronica, 22 ( 19.6% ) pazienti avevano una esposizione acuta ad ACE inibitori o sartani durante il ricovero.
In modelli completamente aggiustati, l'esposizione acuta a un ACEI / ARB non è risultata associata a nefropatia acuta al momento della prima visita clinica ( mediana [ intervallo interquartile ] 33 [ 18–54 ] giorni dalla dimissione dall'ospedale ).

In conclusione, l'esposizione acuta a un inibitore ACE o a un sartano prima o durante un episodio di danno renale acuto non è stata associata a malattia renale acuta persistente al momento della prima visita in clinica, indicando che l'assunzione di tali farmaci non impedisce il recupero renale dopo la lesione acuta a carico del rene.
Contrariamente alle raccomandazioni e alle prassi attuali prevalenti, la somministrazione continuativa di un ACE inibitore / sartano durante un episodio di lesione acuta del rene, o l'avvio di questi farmaci prima della dimissione, può essere sicura. ( Xagena2020 )

Hines A et al, Am J Nephrol 2020; 51: 266–275

Nefro2020 Cardio2020 Farma2020


Indietro