EMUC17
Twelfth European Symposium
Xagena Mappa
Medical Meeting

Variazione dell'albuminuria e successivo rischio di malattia renale allo stadio terminale


Il cambiamento dell’albuminuria come endpoint surrogato per la progressione della malattia renale cronica è fortemente supportato dalla plausibilità biologica, ma mancano evidenze empiriche a sostegno della sua validità negli studi epidemiologici.
È stata valutata la coerenza dell'associazione tra la variazione dell’albuminuria e il rischio di malattia renale allo stadio terminale in una grande meta-analisi di studi osservazionali.

In questa meta-analisi, sono stati raccolti dati a livello individuale da coorti idonee nel Chronic Kidney Disease Prognosis Consortium ( CKD-PC ) con dati sulla creatinina sierica e sul cambiamento dell’albuminuria e più di 50 eventi sugli esiti di interesse.
I dati di coorte erano eleggibili se i partecipanti avevano un'età pari o superiore a 18 anni, avevano una misurazione ripetuta dell’albuminuria durante un periodo compreso tra 8 mesi e 4 anni, successiva malattia renale allo stadio terminale o dati di follow-up di mortalità, e la coorte era attiva durante questa fase del Consorzio.

Sono stati estratti i dati a livello di partecipante ed è stata quantificata la variazione percentuale della albuminuria, misurata come variazione del rapporto albumina-creatinina nelle urine ( ACR ) o del rapporto proteine-creatina nelle urine ( PCR ), durante i periodi di riferimento di 1, 2 e 3 anni.
Il principale risultato di interesse era lo sviluppo della malattia renale allo stadio terminale dopo un periodo di riferimento di 2 anni.

È stato definito un evento di malattia renale allo stadio terminale come inizio della terapia sostitutiva del rene.
Sono state quantificate le associazioni di variazione percentuale dell'albuminuria con successiva malattia renale allo stadio terminale.
Sono state effettuate analisi di sottogruppi multipli e le analisi sono state ripetute anche utilizzando dati a livello di partecipanti da 14 studi clinici, inclusi 9 studi clinici non in CKD-PC.

Tra il 2015 e il 2018, sono stati trasferiti e analizzati i dati di 28 coorti in CKD-PC, che comprendevano 693.816 individui ( 557.583 con diabete, 80% ).
I dati per 675.904 individui e 7.461 eventi di malattia renale allo stadio terminale erano disponibili per l’analisi degli esiti primari.

La variazione del rapporto albumina-creatinina urinarie è stata costantemente associata al rischio successivo di malattia renale allo stadio terminale.
L’hazard ratio adattato ( aHR ) per malattia renale allo stadio terminale dopo una diminuzione del 30% del rapporto albumina-creatinina durante un periodo basale di 2 anni è stato di 0.83, diminuito a 0.78 dopo una ulteriore regolazione per la diluizione della regressione.

Gli hazard ratio aggiustati erano abbastanza consistenti nelle coorti e nei sottogruppi ( tasso di filtrazione glomerulare stimato, diabete e sesso ), ma l'associazione era leggermente più forte tra i partecipanti con rapporto albumina-creatinina basale superiore rispetto a quelli con rapporto ACR basale inferiore ( P per interazione minore di 0.0001 ).

Nei soggetti con rapporto albumina-creatinina basale di 300 mg/g o superiore, si è stimato che una riduzione del 30% del rapporto ACR in 2 anni conferisca una riduzione assoluta di oltre l'1% del rischio a 10 anni di malattia renale allo stadio terminale, anche nelle prime fasi di malattia renale cronica.

I risultati si sono dimostrati generalmente simili quando è stato utilizzato il cambiamento nel rapporto proteina-creatinina urinario, e quando sono state valutate popolazioni di studio provenienti da studi clinici.

La variazione di albuminuria è stata costantemente associata al rischio successivo di malattia renale allo stadio terminale in una serie di coorti, supportando l'uso del cambiamento nell’albuminuria come endpoint surrogato per malattia renale allo stadio terminale negli studi clinici sulla progressione della malattia renale cronica nell’ambito di una aumentata albuminuria. ( Xagena2019 )

Coresh J et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2019; 7: 115-127

Nefro2019



Indietro