EMUC17
Xagena Mappa
Twelfth European Symposium
Xagena Newsletter

Velocità stimata di filtrazione glomerulare e albuminuria per la previsione degli esiti cardiovascolari


L'utilità della velocità stimata di filtrazione glomerulare ( eGFR ) e l'albuminuria per la previsione di eventi cardiovascolari è controversa.
Uno studio ha valutato l'aggiunta di eGFR basato su creatinina e albuminuria ai fattori di rischio tradizionali per la previsione del rischio cardiovascolare con un approccio meta-analitico.

È stata effettuata una meta-analisi su 637.315 individui senza una storia di malattia cardiovascolare da 24 coorti ( follow-up mediano 4.2-19.0 anni ) inclusi nel Chronic Kidney Disease Prognosis Consortium.
Sono state valutate le differenze nella C statistica e il miglioramento della riclassificazione per la mortalità cardiovascolare e casi mortali e non-mortali di malattia coronarica, ictus e scompenso cardiaco in un arco di tempo di 5 anni, in contrasto a modelli di previsione dei fattori di rischio tradizionali, con e senza eGFR sulla base della creatinina e albuminuria ( rapporto albumina-creatinina [ ACR ] o proteinuria semi-quantitativa con test dipstick ), oppure entrambi.

L'aggiunta di eGFR e ACR ha migliorato significativamente la discriminazione degli esiti cardiovascolari al di là dei fattori di rischio tradizionali nella popolazione generale, ma il miglioramento è stato maggiore con ACR rispetto a eGFR, e più evidente per la mortalità cardiovascolare ( differenza C statistica 0.0139 per ACR e 0.0065 per eGFR ) e lo scompenso cardiaco ( 0.0196 e 0.0109 ) rispetto alla malattia coronarica ( 0.0048 e 0.0036 ) e all’ictus (0.0105 e 0.0036).

Il test dipstick ( strisce reattive ) di proteinuria ha mostrato un miglioramento più piccolo rispetto a ACR.

Il miglioramento della discriminazione con eGFR o ACR è stato particolarmente evidente nei soggetti con diabete mellito o ipertensione, ma è rimasto significativo con ACR per la mortalità cardiovascolare e l’insufficienza cardiaca nei pazienti senza questi disturbi.

Nei soggetti con malattia renale cronica, la combinazione di eGFR e ACR per discriminazione del rischio ha superato la maggior parte dei predittori tradizionali singoli; la C statistica per la mortalità cardiovascolare è scesa di 0.0227 dopo l'omissione di eGFR e ACR rispetto a meno di 0.007 per ogni singolo predittore tradizionale modificabile.

eGFR basato sulla creatinina e l’albuminuria dovrebbero essere presi in considerazione per la predizione di event cardiovascolari, in particolare quando queste misure sono già valutate a scopo clinico o se la mortalità cardiovascolare e l’insufficienza cardiaca sono esiti di interesse.
ACR potrebbe avere implicazioni particolarmente ampie nella predizione di eventi cardiovascolari.
In popolazioni con malattia renale cronica, la valutazione simultanea di eGFR e ACR potrebbe facilitare una migliore classificazione del rischio cardiovascolare, sostenendo le attuali linee guida per la malattia renale cronica.
I risultati supportano anche l’incorporazione di eGFR e ACR nelle valutazioni di rischio cardiovascolare nella popolazione generale. ( Xagena2015 )

Matsushita K et al, Lancet 2015; 3: 514-525

Nefro2015 Cardio2015



Indietro