EMUC17
Xagena Mappa
Twelfth European Symposium
Xagena Newsletter

Veverimer versus placebo nei pazienti con acidosi metabolica associata a malattia renale cronica


I pazienti con malattia renale cronica avanzata perdono la capacità di espellere completamente l'acido endogeno, con conseguente acidosi metabolica cronica che aumenta il rischio di progressione della malattia e provoca catabolismo muscolare e riassorbimento osseo.

Veverimer, un farmaco polimerico non-assorbito, privo di controioni, lega selettivamente e rimuove l'acido cloridrico dal lume gastrointestinale, a differenza dell'attuale terapia orale con Bicarbonato di sodio per l'acidosi metabolica che neutralizza solo l'acido accumulato.

Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Veverimer come trattamento dell'acidosi metabolica nei pazienti con malattia renale cronica.

È stato condotto uno studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo in 37 siti ( ospedali e cliniche specializzate ) in Bulgaria, Croazia, Georgia, Ungheria, Serbia, Slovenia, Ucraina e Stati Uniti.
I partecipanti eleggibili erano pazienti di età compresa tra 18 e 85 anni con malattia renale cronica non-dialitica ( velocità di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ] di 20-40 ml/min per 1.73 m2 ) e acidosi metabolica ( concentrazione di bicarbonato sierico 12-20 mmol/l ).

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Veverimer 6 g/die oppure placebo per 12 settimane mentre consumavano la loro dieta tipica.
Entrambi i farmaci sono stati assunti come sospensioni orali in acqua durante il pranzo.
La randomizzazione è stata effettuata dal personale del sito di studio stratificando per Bicarbonato al basale ( 18 mmol/l o meno vs più di 18 mmol/l ).

L'endpoint composito di efficacia primaria era la differenza ( Veverimer-placebo ) nella proporzione dei pazienti che raggiungevano alla settimana 12 un aumento di 4 mmol/l o più dal basale della concentrazione di bicarbonato sierico o bicarbonato sierico nell'intervallo normale di 22-29 mmol/l, valutato nella popolazione intention-to-treat modificata ( tutti i pazienti con un valore basale e almeno un valore di bicarbonato sierico post-basale ).
I pazienti hanno digiunato per almeno 4 ore consumando solo acqua prima delle misurazioni di bicarbonato.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto qualsiasi quantità di farmaco in studio.

Tra il 2017 e il 2018, sono stati assegnati a caso 124 partecipanti a Veverimer e 93 al placebo.

L'endpoint primario composito è stato raggiunto da 71 pazienti su 120 ( 59% ) nel gruppo trattato con Veverimer rispetto a 20 pazienti su 89 ( 22% ) nel gruppo placebo ( una differenza del 37%, P minore di 0.0001 ).

Il sistema corporeo più comune in cui si sono verificati eventi avversi nel gruppo Veverimer era quello gastrointestinale; tra questi, la diarrea non-limitante il trattamento era l'evento più comune ( 11, 9%, versus 3, 3%, nei gruppi Veverimer e placebo, rispettivamente ).

Gli eventi avversi più comuni correlati al trattamento sono stati gastrointestinali ( diarrea, flatulenza, nausea e stitichezza ) che si sono verificati in 16 pazienti ( 13% ) con Veverimer e in 5 pazienti ( 5% ) con placebo.

Durante lo studio si sono verificati 2 decessi, entrambi nel gruppo placebo, per angina instabile e polmonite.

Veverimer ha corretto in modo efficace e sicuro l'acidosi metabolica.
Sono necessari studi a più lungo termine per valutare gli effetti di Veverimer sul funzionamento fisico e per valutare altre conseguenze deleterie dell'acidosi metabolica, inclusa la progressione della malattia renale cronica e la salute delle ossa. ( Xagena2019 )

Wesson De et al, Lancet 2019; 393: 1417-1427

Endo2019 Nefro2019 Farma2019


Indietro